SIAE: come fare il deposito online delle opere?

SIAE: come fare il deposito online delle opere?Come vi abbiamo anticipato qualche giorno fa (in questo articolo), in alternativa al deposito cartaceo, la SIAE da qualche tempo consente il deposito online delle nostre composizioni musicali.

Questo tipo di deposito ha innumerevoli vantaggi pratici; eccone qualcuno:

  • consente di velocizzare le procedure di compilazione e invio alla SIAE per il deposito;
  • consente di risparmiare carta (non è più necessario stampare alcun bollettino), tempo (non è più necessario raccogliere le firme autografe di tutti gli aventi diritto né recarsi di persona ad una sede SIAE), denaro (per chi, vivendo lontano dalle sedi SIAE, era costretto a spedire raccomandate);
  • consente il controllo automatico da parte della procedura che limita di molto il rischio di errori di compilazione (si pensi alla trascrizione errata del numero di posizione SIAE o alla mancata compilazione di dati obbligatori).

Prima di procedere con il tutorial, occorre fare due premesse.

La prima. La modalità di deposito online delle opere è consentita solo a coloro che hanno effettuato la registrazione al Portale Autori ed Editori. A chi non avesse ancora provveduto suggeriamo di farlo al più presto. Gli iscritti al Portale Autori ed Editori SIAE infatti, hanno molti altri vantaggi. Tra gli altri, la possibilità di accedere al proprio repertorio musicale tutelato dalla SIAE e ai propri dati contabili registrati presso la società, nonché al proprio “ripartito”, ossia l’ammontare dei diritti che ci sono stati corrisposti nei semestri già contabilizzati.

La seconda premessa è quella di procedere nella lettura di questo tutorial solo DOPO aver attivato la firma elettronica per il deposito dei brani. Vi abbiamo spiegato qui come si fa.

Se siete registrati al Portale Autori ed Editori SIAE ed avete già attivato la firma elettronica, potete procedere. Al termine del tutorial sarete in grado di effettuare il vostro primo deposito online alla SIAE.

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

-

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#01

#01 – Come già fatto per l’attivazione della firma digitale, dovremo accedere alla nostra pagina personale sul sito SIAE tramite il link in alto a destra e inserire i nostri dati personali nella schermata successiva.

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#02

#02 – Tra le opzioni che troveremo nella schermata successiva, dovremo selezionare “Nuovo Portale Autori ed Editori“. Solitamente il quadrante dedicato al servizio è in alto a sinistra.

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#03

#03 – Entreremo così nella nostra pagina principale dove dovremo cliccare su “Deposito Online Opere Musicali” (le altre opzioni sono: Repertorio Musicale, Movimenti Contabili, Profilo, Ripartito Musica).

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#04

#04 – Nel menu a sinistra avremo accesso ai nostri bollettini. Da questo menu è possibile richiamare eventuali altri nostri bollettini online: i depositi online salvati in bozza e non ancora inviati; quelli che dobbiamo ancora firmare elettronicamente o in attesa di altre firme da parte degli altri aventi diritto (vedi oltre); i depositi online completati, inviati e in attesa di validazione da parte della SIAE; i depositi online rifiutati dagli altri aventi diritto o annullati; infine, i depositi acquisiti, ossia quelli correttamente trasferiti nell’archivio SIAE. Nel nostro caso, ovviamente, clicchiamo sul link in alto, “NUOVO DEPOSITO“.

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#05

#05 – Accediamo così al modulo da compilare. La prima sezione riguarda i dati dell’opera. Dovremo compilare questi campi:

Titolo
E’ fondamentale (oltre che obbligatorio) compilare questo rigo. Vi si inserisce il titolo completo del brano che stiamo depositando. Se il brano è conosciuto con altri titoli è necessario indicarli cliccando sul link successivo “+ Aggiungi Titolo” (in genere riguarda le opere liriche, si utilizza raramente per la musica leggera).
Lingua titolo
Lasciamo selezionato “ITALIANO” oppure, dal menu a tendina, scegliamo la lingua del brano che stiamo depositando.
Tipologia opera
Dobbiamo indicare se stiamo depositando un brano con editore o meno oppure se si tratta di una subedizione (ricorda: il sub editore è colui che detiene i diritti dell’editore originale ma solo entro un determinato territorio. Si usa in genere per le cover di brani stranieri).
Musica
Qui dobbiamo indicare se stiamo depositando una nostra composizione originale oppure un’elaborazione di altra opera (per saperne di più sulle elaborazioni, leggi quanto scritto qui).
Durata
Indicare la durata della propria composizione espressa in ore, minuti e secondi nel formato hh:mm:ss.
Testo
Anche qui, come per il campo “musica”, dobbiamo indicare se si tratta di un testo originale o di una elaborazione.
Genere
Indicare il genere del proprio brano. Si possono indicare i generi leggero, elettronico, serio, jazz…
Titolo dell’opera adattata, tradotta o elaborata
Questo campo sarà attivo SOLO SE abbiamo selezionato un’opzione diversa da ORIGINALE nei campi “Musica” e/o “Testo”.
Brano legato ad un’opera audiovisiva
Com’è facilmente intuibile, in caso di musica espressamente composta per un film, è necessario spuntare questo campo in modo da rendere poi attivi i successivi campi “Titolo opera audiovisiva” e “Tipologia brano”, ossia Colonna sonora o Brano tratto da film.

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#06

#06 – Completiamo questa prima parte con i successivi campi da compilare:

+Aggiungi Brano Staccato
Questa parte si utilizza in genere solo per alcuni tipi di opere (soprattutto liriche e sinfoniche o anche commedie musicali) che spesso sono costituite da brani che si intende utilizzare separatamente dall’opera principale e, quindi, con titolo distinto e autonomo dalla stessa.
Sostituzione o Integrazione
Vi sono dei casi in cui si rende necessario sostituire (o integrare) i bollettini di depositi già avvenuti. Si pensi al subentro di un editore dopo che l’opera era stata già depositata senza. O al caso in cui la SIAE chieda il cambio del titolo per evitare confusione con i brani di autori e compositori nostri omonimi. Si pensi infine al caso di subentro di un nuovo autore o compositore ad un’opera già depositata.
–> NOTA: per il Regolamento SIAE ciò è possibile solo se l’aggiunta è motivata da variazioni sostanziali o rilevanti nella parte letteraria o musicale dell’opera
Quando una di queste situazioni si verifica, è possibile intervenire richiamando il vecchio bollettino selezionando il caso che ci interessa. Sarà così possibile compilare, nei campi che appariranno, n. di repertorio e titolo del bollettino in questione.
Validità territoriale
In questo campo dovremo selezionare il territorio dove tutelare i brani. Mentre nel deposito cartaceo è possibile lasciare vuota questa sezione per estendere la tutela dei nostri brani a TUTTO IL MONDO, in questo caso dovremo espressamente selezionare tale opzione o la validità territoriale richiesta.

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#07

#07 – Schema di riparto



Eccoci dunque giunti alla pagina in cui inseriremo la ripartizione dei diritti spettanti a compositori, autori ed eventuali editori. Ovviamente la procedura riporta già il nostro nominativo, per cui dovremo solo indicare la qualifica del nostro apporto al brano che stiamo depositando (es. CO, Compositori originali oppure AO, Autori originali). Indicheremo poi la nostra quota dei diritti DEM e DRM spettanti. Se siamo autori di musica e testo potremo “duplicare” la riga per inserire la seconda qualifica. Ricordiamo infatti che ciascuna qualifica andrà su righe separate. Per aggiungere una riga in più basta cliccare sul link a destra “DUPLICA” e modificare i dati che ci interessa modificare. La stessa operazione andrà poi ripetuta per ogni autore.  Vi rinviamo a questo articolo per saperne di più sulle varie qualifiche e sulla ripartizione in quote dei diritti DEM e DRM.

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#08

#08 – Se oltre a noi vi sono altri aventi diritto dovremo cercarli usando lo schema in basso nella stessa pagina tramite cognome/denominazione, nome, posizione SIAE o IPI; se li abbiamo precedentemente aggiunti ai “preferiti” (consigliamo di farlo con gli autori con cui lavoriamo più spesso) basterà selezionarli dal menu a tendina (nella tabella “Avente diritto tra i preferiti“).

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#09

#09 – Una volta ottenuti i risultati della ricerca possiamo selezionare l’avente diritto di nostro interesse ed eventualmente aggiungerlo ai preferiti…

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#10

#10 – …e poi cliccare su “INSERISCI” per aggiungerlo allo schema di riparto che stiamo compilando. A questo punto, come abbiamo fatto per noi, sceglieremo qualifica di apporto al brano e quote spettanti.

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#11

#11 – Durante la compilazione dello schema di riparto è consigliabile tenere sempre sott’occhio i totalizzatori delle quote dei diritti con indicate in rosso le quote mancanti e in verde il totale delle quote.

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#12

#12 – Per aiutarci durante la procedura per il deposito online, possiamo sempre cliccare su questo link con le norme per la compilazione dello schema.

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#13

#13 – Cliccando su “PROCEDI” ci troveremo di fronte alla pagina degli Allegati. Questa sezione rappresenta una grande novità in tema di Esemplare allegato. E’ possibile infatti allegare la partitura in un file formato PDF, TIFF, PNG, JPG; ma la vera novità per i depositi online è che questa operazione non è più obbligatoria. Basta infatti allegare anche un semplice MP3 con la registrazione cantata del brano. Infatti, mentre in caso di deposito tradizionale, è possibile allegare la “registrazione” su CD, in luogo della partitura, SOLO per le opere di musica elettronica e concreta la cui trascrizione su pentagramma sia impossibile, nel caso di deposito online la registrazione può sostituire la partitura di qualsiasi genere di musica, tranne che per il genere SERIO e per le elaborazioni di opere di Pubblico Dominio. Si pensi quanto questa novità agevoli chiunque abbia problemi a trascrivere la musica sul pentagramma…

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#14

#14 -Una barra (e spunta) verde ci comunicherà che il nostro file è stato correttamente caricato. La pagina di conferma consente anche l’eliminazione del file caricato per errore.

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#15

#15 – Procedendo nella compilazione giungeremo alla pagina di riepilogo e invio. Controlliamo tutti i dati inseriti e recepiti dal sistema. A questo punto siamo pronti a procedere con la firma elettronica di cui dicevamo a inizio tutorial.

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#16

#16 – Dopo aver preso visione e accettato termini e condizioni del servizio con la spunta nel quadratino in alto a sinistra nell’immagine #16, possiamo farci inviare il PIN sul numero di cellulare che abbiamo precedentemente registrato. La SIAE invierà il PIN temporaneo, il c.d. OTP (One Time Password), che servirà SOLO per il deposito di questo brano. Ogni volta che dovremo firmare in digitale un nuovo brano dovremo richiedere un nuovo PIN.

Prima di firmare il documento, il sistema ci propone di visualizzare (e quindi scaricare e salvare) il PDF del bollettino appena compilato.

–> NOTA: come ci ricorda la parte inferiore della pagina, se uno o più iscritti SIAE non hanno attivato la firma elettronica non è possibile procedere con il deposito online ma solo stampando il documento in PDF. Il documento dovrà essere firmato in originale con nome autografo da tutti gli Aventi Diritto iscritti SIAE presenti nell’opera. Dovranno essere stampati, firmati ed inviati anche eventuali allegati prodotti dal sistema.

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#17

#17 – Controlliamo la notifica sul nostro cellulare, dovrebbe essere già arrivato il PIN. Inseriamolo nel campo PIN e clicchiamo sul tasto “FIRMA”.

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#18

#18 – Se tutto sarà andato a buon fine, riceveremo questo messaggio rassicurante che riporta (anche) lo stato del deposito digitale.

SIAE: come si fa il deposito online delle opere?

#19

#19 – Ritornando al menu a sinistra visto inizialmente, potremo andare a cercare il nostro bollettino appena depositato. A seconda dei casi lo troveremo al link:

- In attesa di altre firme: depositi online in attesa di firme da parte degli altri Aventi Diritto
- Inviati: depositi online completati, inviati e in attesa di validazione da SIAE
- Annullati: depositi online rifiutati dagli altri aventi diritto o annullati
- Acquisiti: depositi correttamente trasferiti in archivio e quindi validati dalla SIAE

Complimenti! Avete completato il vostro primo deposito online.

Tutto chiaro? Altri dubbi? Commentate qui sotto o sulla nostra Pagina Facebook; l’autore del tutorial risponderà ai vostri dubbi.

Buona musica!

==========
Note:
Scritto da Domenico A. Di Renzo per www.musicapuntoamici.it
La riproduzione di questo articolo è consentita solo citando la fonte: “sito internet www.musicapuntoamici.it” (sul web con link attivo).

Domenico A. Di Renzo - MpA

Autore di testi iscritto SIAE e diplomato al CET, la scuola di musica di Mogol, dopo aver vinto una borsa di studio SIAE. Collabora con diversi artisti emergenti per alcuni dei quali ha curato i testi del disco di esordio. La musica è la sua più grande passione. O meglio, quella arrivata prima nella sua vita. Con gli anni è arrivato il primo computer, il primo contratto internet e con essi l’amore per l’informatica. Ha ideato MUSICApuntoAMICI nel 1999, agli albori di internet in Italia, quando farsi un sito tutto proprio non era così scontato (e semplice) come oggi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>