Come lasciare Siae e iscriversi a Soundreef?

Come lasciare Siae e iscriversi a Soundreef?Come cancellarsi dalla SiaeSocietà Italiana degli Autori ed Editori – e passare a Soundreef? Ovvero, come lasciare Siae e iscriversi a Soundreef?

Si tratta di domande che molti autori si pongono sempre più frequentemente negli ultimi mesi. A giudicare dai messaggi ricevuti da MUSICApuntoAMICI nell’ultima settimana, pare che la richiesta di delucidazioni sull’argomento si faccia sempre più pressante dopo la notizia dell’attacco hacker in seguito al quale sono stati rubati molti dati degli iscritti SIAE (abbiamo spiegato tutto in questo articolo: attacco hacker, rubati i dati degli iscritti SIAE).

Bene, se hai deciso di lasciare la SIAE per iscriverti a Soundreef, sei nel posto giusto. In questo tutorial ti spiego, passo dopo passo, come fare per presentare il recesso alla SIAE ed entrare a far parte della nuova società di gestione del diritto d’autore, Soundreef.

Prima di tutto, vediamo quali sono i requisiti da possedere per ottenere questo “trasloco”. Premetto che, quanto qui di seguito specificato, vale sia per gli autori che per gli editori. Ecco dunque i requisiti:

  • essere in regola con il pagamento alla SIAE della quota sociale dell’anno in corso;
  • inoltrare modulo di recesso alla SIAE entro il 31 agosto.

Il rispetto o meno di questa scadenza (31 agosto) comporta conseguenze sulla data di decorrenza del recesso. Facciamo un esempio per chiarezza espositiva.

Chi ha inviato a SIAE la richiesta di recesso – seguendo la procedura che adesso vedremo – entro il 31 agosto 2018 sarà a tutti gli effetti un autore (o editore) Soundreef GIÀ dal primo gennaio 2019. Chi invece lo ha fatto (o lo farà) dopo il 31 agosto 2018 ed entro il 31 agosto 2019 entrerà nella “scuderia” Soundreef SOLO dal primo gennaio 2020.



Ricordo che, nell’attesa del passaggio definitivo a Soundreef, rimane l’obbligo al pagamento delle quote sociali SIAE; tale obbligo interessa soltanto gli autori con più di 30 anni di età.

Detto questo è abbastanza evidente che siamo comunque liberi di inviare la richiesta di recesso a SIAE in qualsiasi momento dell’anno.

Quali sono le modalità di invio del recesso a SIAE?
La SIAE ha predisposto tre modalità alternative di invio della richiesta di recesso:

  • tramite il Nuovo Portale Autori ed Editori; nella propria area privata è possibile modificare in modo autonomo i dati relativi alla propria posizione SIAE;
  • tramite la compilazione del modulo di recesso (che è possibile scaricare qui) da inviare con PEC (la SIAE l’ha fornita a tutti gli aventi diritto) all’indirizzo Comunicazioni.SIAE@pec.siae.it o con Raccomandata A/R (con allegata copia di un documento di identità) al seguente indirizzo:

Servizio Clienti – SIAE
V.le della letteratura, 30
00144 Roma

  • tramite il Form web di assistenza SIAE nel quale, dopo l’indicazione dei propri dati, vanno selezionate le seguenti opzioni di scelta:
    – il repertorio tutelato (nel nostro caso MUSICA);
    – servizi correlati alla gestione del rapporto associativo;
    – variazioni relative alla posizione SIAE.

Come iscriversi a Soundreef dopo il recesso SIAE?
Una volta effettuato il recesso alla SIAE bisogna darne prova a Soundreef.
Per farlo è importante contattare il Customer Support di Soundreef alla seguente email:
info@soundreef.com
e procedere successivamente con la registrazione sulla pagina dedicata. Ecco l’indirizzo:
https://registration.soundreef.com/it/user-registration/

Tutto chiaro?
In questo articolo abbiamo parlato di: SIAE, SOUNDREEF, diritto d’autore, autori, compositori, editori, recesso Siae, iscrizione a Soundreef. Se ti rimangono ancora dubbi posta un commento qui o sulla nostra pagina Facebook: sarò felice di poterti aiutare.

Domenico A. Di Renzo - MpA

Autore di testi iscritto SIAE e diplomato al CET, la scuola di musica di Mogol, dopo aver vinto una borsa di studio SIAE. Collabora con diversi artisti emergenti per alcuni dei quali ha curato i testi del disco di esordio. La musica è la sua più grande passione. O meglio, quella arrivata prima nella sua vita. Con gli anni è arrivato il primo computer, il primo contratto internet e con essi l’amore per l’informatica. Ha ideato MUSICApuntoAMICI nel 1999, agli albori di internet in Italia, quando farsi un sito tutto proprio non era così scontato (e semplice) come oggi. Cura i profili social e alcune rubriche del sito tra cui Vetrina Emergenti. Ha scritto un corso di metrica online e tiene corsi completi per autori di testi presso scuole di musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.