A chi proporre testi per canzoni di musica pop in lingua italiana?

Tutorial musicaDomanda:
Forse ve lo avranno già chiesto migliaia di volte ma è la mia prima volta su questo sito. Ho scritto più di 50 testi per canzoni di musica pop in lingua italiana, tra l’allegro e il sentimentale, e vorrei sapere a chi proporli.
Se ci sono case discografiche, artisti o altro a cui inviarli.

Risposta:
Purtroppo nel mondo della musica moderna non è consigliabile presentarsi alle case discografiche solo con dei testi. Sconsiglio pertanto di rivolgersi ai discografici. Tra l’altro, come già indicato a suo tempo nel post Ho scritto una canzone: contratto editoriale o discografico? bisognerebbe casomai rivolgersi ad un editore.



Quello che mi sento di consigliare, piuttosto, è di cercare compositori emergenti con cui provare a realizzare una proficua collaborazione artistica, in modo da presentarsi agli “addetti ai lavori” con le carte in regola e avere qualche chance in più. A tal  proposito può essere utile pubblicare annunci su siti web specializzati (molto utile e consigliatissimo è Villaggiomusicale.com) oppure nelle bacheche di Centri giovani e scuole di musica della propria città. Vi sono realtà molto interessanti al riguardo.

Sei un giovane autore emergente? Ti è piaciuto l’articolo? Cercavi altre informazioni? Leggi tutti gli articoli della sezione Tutorial di MUSICApuntoAMICI e se non trovi risposta alle tue domande scrivici direttamente. Risponderemo a tutte le domande più interessanti per i nostri lettori.
***
Nota
Le informazioni presenti in questa pagina sono fornite dall’autore sulla base di esperienze personali e non sostituiscono, ove necessaria, la consulenza di un legale esperto sui temi trattati. Esse sono date gratuitamente ed in buona fede, senza alcuna garanzia implicita ed esplicita. Si declina ogni responsabilità per gli usi che i lettori possano farne.

Domenico A. Di Renzo - MpA

Autore di testi iscritto SIAE e diplomato al CET, la scuola di musica di Mogol, frequentata grazie a una borsa di studio SIAE. Collabora con alcuni artisti emergenti per i quali ha curato i testi del disco di esordio. Ha ideato MUSICApuntoAMICI nel 1999, agli albori di internet in Italia, quando realizzare un sito non era così scontato (e semplice) come oggi. Cura i profili social e alcune rubriche del sito. Ha scritto un corso di metrica online e tiene corsi completi per autori di testi presso scuole di musica. Laureato in Giurista d'impresa e della Pubblica amministrazione, è esperto in diritto del lavoro e in diritto d'autore. Copywriter, webwriter, blogger. Offre assistenza per pratiche Siae e Soundreef e consulenza legale e amministrativa nella redazione di contratti editoriali, contratti discografici, licenze per utilizzare opere musicali, teatrali, letterarie e delle arti visive. Biografia completa su www.domenicodirenzo.it.

3 Risposte

  1. IO ha detto:

    Se sei un signor sconosciuto puoi scrivere tutte le canzoni che ti pare,ma tanto non gliene fregherà niente a nessuno. Puoi essere il nuovo Mogol o chi ti pare,ma se non sei dell’ambiente o hai conoscenze sarai sempre rimbalzato. L’Italia è un paese dove vige il nepotismo e tutto il resto… Qualche anno fa si poteva ancora fare,ma oggi purtroppo non è più così ed è per questo che ci troviamo la musica di merda che c’è in giro. Non ha alcuna importanza la “canzone”,basta un po’ di apparenza e farsi vedere fighi che la gente (stupida)abbocca… Dunque basta buttare fuori qualsiasi merderia un po’ infiocchettata e va bene così. .. Povera Italia!!!

  2. Tommaso ha detto:

    X Io: Io me ne sono fatto una ragione e ho deciso di scrivere e cantare lo stesso, i miei racconti li pianto un po’ per le panchine del mio paese e le mie canzoni le lascio in condivisione, poi se la gente le vuole ascoltare bene, sennò amen.
    E’ verissimo che c’è un nepotismo spaventoso e molta musica di merda in giro, che non si sa come ma vince premi. Ma chi scrive realmente testi di musica li scrive per bisogno; io ho cominciato a scrivere testi di canzoni ed a cantarle per bisogno, bisogno di esprimere le mie sofferenze, le mie gioie, etc… Secondo me occorre anche avere l’umiltà di lasciar vagare le parole come piume al vento, chissenefrega di essere famosi, a me basterebbe davvero che qualcuno cogliesse le mie parole.; e chissà forse lo spirito giusto è proprio questo., bho.. provarci non costa nulla

  3. Tommaso, siamo assolutamente d’accordo con questo tuo bellissimo commento. Grazie, continua a scrivere per passione, darai vita alle emozioni più belle. E continua a seguirci;-)
    Raffaella – Redazione MpA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.