Asteroid Day: eventi in tutto il mondo

Oggi si celebra l’Asteroid Day. L’iniziativa nasce con lo scopo di sensibilizzare i cittadini del mondo sul pericolo che gli asteroidi possano colpire la Terra, entrando in rotta di collisione col nostro Pianeta.

Ma come nasce l’Asteroid Day? Era il 30 giugno del 1908 quando in Siberia, a Tunguska per la precisione, qualcosa provocò una violentissima esplosione. Non vi fu l’impatto con la Terra – l’esplosione avvenne a 5/10 chilometri da terra – ma ciò bastò per abbattere decine di milioni di alberi sparsi su una superfice vastissima e a causare altri danni sparsi per migliaia di chilometri quadrati.

L’idea di organizzare il primo Asteroid Day è di un gruppo di scienziati e artisti (primo tra i quali Brian May, ex Chitarrista dei Queen); tra le iniziative della giornata anche una petizione – è possibile firmarla qui – per chiedere di incrementare lo studio dei cosiddetti Neo (Near-Earth Object), ossia oggetti in grado, in determinate condizioni, di colpire la Terra e distruggere intere città. Secondo la petizione incrementare lo studio e sorvegliare i Neo ci potrebbe far stare tranquilli perché “a differenza di altri disastri naturali, in questo caso sappiamo come scongiurare il rischio, e abbiamo a disposizione la tecnologia per cambiare la situazione“.

I due eventi principali si tengono a Londra e San Francisco ma sono previste iniziative in tutto il mondo, Italia compresa. Per sapere se ci sono eventi vicino a casa vostra, basta dare un’occhiata a questa pagina su Google Maps.

Se non trovate nulla, niente paura. E’ possibile entrare nell’atmosfera della giornata in mille altri modi. Per esempio attraverso la diretta streaming su www.virtualtelescope.eu oppure inviando domande via Twitter agli scienziati dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) con l’hashtag: #AskESA.

Per l’occasione è stata creata addirittura una app da parte della NASA. Si chiama Asteroid data hunter e consente di analizzare le immagini di potenziali asteroidi e determinare quali oggetti devono essere monitorati; chi ha un telescopio può addirittura caricare i propri scatti e analizzarli con l’app in dotazione al software.

Non ci resta che stare col naso all’insù con la speranza che non si realizzino le pessimistiche previsioni di certi film hollywoodiani… contribuire ad evitare che ciò accada è il senso più profondo della giornata di oggi.

Raffaella - Redazione MpA

Appassionata di scrittura creativa e musica. Dalla classica alla lirica, dal pop al metal, senza distinzione di genere ma solo lasciandosi trasportare dalle emozioni e dai mondi fantastici in cui solo la musica ti sa trasportare. Da sempre affascinata dal web e dalle grandi potenzialità offerte dalla Rete e dai social network. Nel 2002, complice MUSICApuntoAMICI, ha conosciuto suo marito Domenico. Grazie a quell’incontro si è avvicinata alla scrittura di articoli di musica per il sito dedicandosi in particolare alla musica emergente italiana. Il lavoro le ha fatto cambiare vita e città ma quella visione aperta su chi vuole entrare da protagonista nel mondo della musica e quel progetto nato per creare uno spazio libero per la musica emergente italiana, non l’hanno più abbandonata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto dalla copia!