Le Tracce d’adolescenza di Fabrizio Luglio

Le tracce d'adolescenza di Fabrizio LuglioIl cantautore piemontese Fabrizio Luglio pubblica un nuovo album dal titolo Tracce d’adolescenza. L’artista ha dato una nuova veste, grazie a nuovi arrangiamenti, a brani scritti durante la sua adolescenza.

Si tratta di brani scritti tra il 1989 e il 1993 e mai pubblicati. L’amore, i viaggi, l’amicizia, la libertà, raccontati dagli occhi di un adolescente con la freschezza e spontaneità tipica di quell’età suonati però oggi da musicisti professionisti di Bologna.

Il disco è disponibile su tutti gli stores digitali o, su richiesta, in formato CD. Questo il link all’album: Tracce d’adolescenza.

Biografia di Fabrizio Luglio

Fabrizio Luglio

Nato a Torino, dove avviene gran parte della sua formazione musicale. Nel periodo tra il 1988 e il 1993 studia chitarra jazz e inizia ad esercitarsi sulla composizione di testi e musica originali. Nel 1994 collabora al progetto Noesis come compositore nonché come chitarrista solista. Il progetto Noesis consta di 20 musicisti dell’area torinese che suoneranno per la realizzazione di 25 brani inediti prodotti da Edimedia Edizioni srl e, per un breve periodo, eseguiti sui circuiti nazionali.

Nel 1995 fonda il gruppo rock-progressive INCOMMUNICADO di cui è voce solista e chitarra ritmica e compositore di testi e musiche.
Insieme al gruppo pubblica nel 1998 il primo CD, il concept-album “Fiction” a cui segue una fitta sequenza di date LIVE (circa 150) nell’area Torinese e interviste su un paio di radio locali. Il gruppo vince diversi concorsi, tra cui Emergenza Rock edizione 1996 come gruppo più originale del festival nella finale Torinese e si esibisce in rassegne insieme a Persiana Jones, Africa Unite e Dottor Livingstone per la Biennale Giovani Artisti 1997. Alla Biennale fa seguito una compilation “Biennale Off” a cui il gruppo contribuisce con un brano. Nel 1998 il disco “Fiction” viene recensito molto positivamente da Torino Sette, supplemento de “La Stampa” e dalla rivista “Informagiovani Torino”.

Dal 1999 al 2001 si trasferisce a Bristol, nel Regno Unito per studio. Frequenta corsi musicali organizzati dal Bristol City Council, “Bristol Art and Music Service – Instrumental Tuitions”. Alla trasferta fanno seguito diversi concerti con musicisti britannici e un mini-tour di 4 date in alcuni locali di Bristol (The Prom, Bristol Folk House, The Louisiana), segnalati anche da La Stampa di Torino. Nel 2001 il gruppo registra un nuovo disco “L’alba del Viaggio” realizzato in parte in Italia, in parte a Chepstow nel Galles del Sud. Tutti i brani sono stati composti da Fabrizio Luglio. Nel 2003 Fabrizio si trasferisce a Bologna e inizia la sua attività di bassista e cantante con un nuovo gruppo cover dal nome Casababylon e poi con gli Stati Febbrili.

Dal 2008 avvia un percorso da solista ma continua la collaborazione con i musicisti torinesi per concerti e la realizzazione di nuovi brani che porterà al disco dal titolo “Musica per Gerani“, pubblicato nel giugno 2011.

Nel 2018 la Band Incommunicado entra nella lista delle band progressive italiane sul volume “Rock Progressivo Italiano 1980-2013” pubblicato da Arcana Editore.

Nel 2005 partecipa al progetto SONDA del Centro Musica di Modena ed è presente nella compilation “SONDA vol. 1” con il brano “Feriti ma vivi” presentato al MEI di Faenza nel dicembre 2010.

A Novembre 2011 avvia su Bologna il progetto A.M.P. (Assemblea di Musica Pop) con cui intende riproporre dal vivo tutto il repertorio realizzato negli anni e la composizione e registrazione di nuovi brani con diversi concerti nell’area di Bologna, Modena e provincia. Nel frattempo altri brani vengono trasmessi da radio locali (Radio città Fujiko, Nuova Rete C110…) e nazionali, incluso due passaggi su Rai Stereo 1 nella trasmissione DEMO.

A metà 2013 inizia la registrazione di un nuovo album con alcuni brani rivisitati e nuove composizioni in collaborazione con l’associazione musicale REALSOUND di Bologna e con il musicista e arrangiatore Marco Anderlini.

Il 16 dicembre 2015 viene pubblicato sulla rete il videoclip del brano Il Viaggio Più Lungo per la regia di Oscar Serio e venduto sui principali store digitali (iTunes, GooglePlay, Amazon, Spotify).

L’uscita dell’album, dal titolo “Senza Disturbare” avviene a febbraio 2016 a cui è dedicato un intero sito web.

A giugno 2016 viene pubblicato il lungometraggio “Atelier Si Session LIVE” che contiene la performance dal vivo dell’intero Album.
Fanno seguito, rispettivamente, a settembre e dicembre 2016 il videoclip di “Devi fare piano con Claudia” ed il videoclip della title track “Senza Disturbare“.

A novembre 2016 inizia la collaborazione tra Fabrizio e LaSuburbana di Bologna, ufficio stampa che curerà la promozione dei lavori musicali di Fabrizio attraverso recensioni e passaggi radiofonici continui sui network indipendenti regionali e nazionali.
Fabrizio viene invitato a diversi seminari di scrittura musicale, tra cui alla scuola di musica Massimo Riva di Zocca (MO) nel gennaio 2017. Ad agosto 2017 esce il terzo singolo Bordeaux Quay con pubblicazione di un nuovo videoclip per la regia di P. Meriggi a cui fanno nuovamente seguito interviste, concerti e passaggi televisivi.

Il 28 giugno 2018 viene presentato a Bologna al Cinema ODEON il cortometraggio musicale Tagli di Luce ispirato al brano omonimo registrato nel 2011 con il gruppo Incommunicado, per la regia di Oscar Serio. Fabrizio Luglio scrive il soggetto e la colonna sonora del film insieme al maestro e pianista Enrico Cipri.

Il 24 ottobre 2018 esce il videoclip di Lento Crescere (ne abbiamo parlato qui: Lento Crescere, il nuovo videoclip di Fabrizio Luglio) filmato nel Polesine da Paolo Meriggi e che anticipa l’uscita del nuovo album.

Sito ufficiale Fabrizio Luglio

Per conoscere meglio Fabrizio, questo è il suo sito ufficiale: www.fabrizioluglio.it.

Raffaella - Redazione MpA

Appassionata di scrittura creativa e musica. Dalla classica alla lirica, dal pop al metal, senza distinzione di genere ma solo lasciandosi trasportare dalle emozioni e dai mondi fantastici in cui solo la musica ti sa trasportare. Da sempre affascinata dal web e dalle grandi potenzialità offerte dalla Rete e dai social network. Nel 2002, complice MUSICApuntoAMICI, ha conosciuto suo marito Domenico. Grazie a quell’incontro si è avvicinata alla scrittura di articoli di musica per il sito dedicandosi in particolare alla musica emergente italiana. Il lavoro le ha fatto cambiare vita e città ma quella visione aperta su chi vuole entrare da protagonista nel mondo della musica e quel progetto nato per creare uno spazio libero per la musica emergente italiana, non l’hanno più abbandonata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto dalla copia!